I bambini di Camposampiero ricordano la "Shoah"

altQuando i simboli diventano significati: questo è quello che oggi, lunedì 28 gennaio, hanno realizzato gli alunni delle scuole primarie dei Plessi “Ex Liceo” e “Battisti” di Camposampiero.  In una mattinata piovigginosa e un po' grigia, accompagnati dai loro maestri e maestre, con compostezza si sono raccolti in silenzio nel cortile della scuola, quindi hanno attaccato su dei fili di canapa, le stelline della pace, ai rami del grande albero che è nel cortile. Queste stelline, sospese tra il cielo e la terra, coloratissime e con scritte parole di pace, sono la loro testimonianza della “Giornata della Memoria” a Camposampiero.  Tutti  gli alunni  in semplicità  hanno intonato due canti ebraici: “Evenu Shalom Aleichem” e “Gam Gam Gam”; il primo per trasmettere il nostro e il loro desiderio di pace, il secondo per ricordare i bambini ebrei che venivano incoraggiati a cantare questo meraviglioso canto quando venivano deportati durante la Seconda Guerra Mondiale. Quest’ultimo canto è stato molto sentito dai bambini, infatti venne insegnato da una maestra appositamente ai suoi bambini, utilizzando le parole di David nel salmo 23: “anche se attraversassi le difficoltà non temerò alcun male perché so che Tu sei con me”.  Ringraziamo i genitori, i nonni, gli zii, i vicini, i cittadini e i passanti che, da dietro il cancello della scuola, hanno partecipato con noi all’attività. Shalom !