Istituto Comprensivo "G. Parini" di Camposampiero

Scuole dell'Infanzia, primarie, secondaria di primo grado, punto erogazione CPIA

27 gennaio “Giornata delle memoria”: SHALOM !

La Repubblica Italiana ha istituito la“Giornata della Memoria”con la legge 20 luglio 2000, n. 211, scegliendo come giorno il 27 gennaio (data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz) per ricordare la Shoah, le leggi razziali, la persecuzione italiana degli ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia e la morte.

Per dare valore e significato a quanto accaduto e trasmetterlo alle giovanissime generazioni, oggi tutti noi della scuola primaria “Battisti”, dagli alunni ai docenti, dal personale amministrativo ai collaboratori scolastici e insieme al dirigente scolastico ci siamo ritrovati in cortile per un breve momento commemorativo, intonando due semplici canti ebraici “Gam Gam Gam” e “Havenu Shalom Aleichem”, poi tutti abbiamo adagiato per terra dei sassolini e costruito la parola SHALOM. Perché proprio questa parola?

Shalom - generalmente tradotta con “pace” - è una parola ebraica che discende dalla radice shlm, un verbo che  rimanda ad un particolare aspetto della realtà, cioè “interezza, integrità, sano, essere senza danno”. Il suo equivalente in arabo è salàm, col significato di “essere al sicuro, fiducioso e perdonato”, si pensi che perfino la parola Islam rimanda alla pace (dalla radice protosemitica s-l-m). I cristiani si scambiano la parola pace, si stringono la mano l’un l’altro. I musulmani quando si salutano si danno la pace e mettono la mano sul petto vicino al cuore. Gli ebrei con gioia quando si incontrano dicono slalom, pace. Il saggio e giusto re Salomone fu chiamato così perché garantì pace e prosperità negli anni del suo regno. La stessa città di Gerusalemme è detta città della pace. 

Ma affinché quanto accaduto non succeda mai più, è necessario vivere la pace: con noi stessi, con il prossimo, con chi è diverso da noi, con apertura e comprensione nei confronti di chi ha un bisogno che non riesce talvolta a comunicare. La comunità scolastica è pronta a farlo e lo fa, e oggi abbiamo voluto trasmetterlo a tutti.

 

alt