Istituto Comprensivo "G. Parini" di Camposampiero

Scuole dell'Infanzia, primarie, secondaria di primo grado, punto erogazione CPIA

Così Piccoli, così Unici

Come ormai da tradizione, anche quest'anno tutte le classi di francese, le sezioni A-C-E, assisteranno ad uno spettacolo teatrale in cartellone: “Toujours amis'' e “Le Petit Prince”; entrambi uniti da un sottile filo conduttore: l'infanzia.

"Toujours amis”, tratto dai racconti di Cecile Aubry “Belle et Sébastien”, ha per protagonisti due straordinari personaggi legati da un'amicizia speciale e indissolubile: un bambino orfano, Sébastien e un cane da montagna dei Pirenei, Belle, dalla bellissima pelliccia bianca e con un grande cuore da regalare al suo caro “padroncino”. "Belle, que je t'aime tant, depuis longtemps, je t'attendais" . 

Attraverso mille peripezie e avventure, che gli alunni vivranno sul palco grazie agli attori di madrelingua francese dell'associazione “Langues sans frontières”  in tournée nelle scuole italiane, il piccolo Sébastien dimostrerà il suo valore e il suo coraggio con l'aiuto di Belle a cui è unito da un legame più forte di ogni contrasto. Insieme alla sua Belle, Sébastien, il nostro piccolo protagonista, che ha sofferto molto, non si sentirà più solo.   "Oui, Belle, on est toujours amis..."

Di amicizia e amore parla anche il secondo spettacolo.

D'altronde “Les choses importantes sont invisibles aux yeux” diceva il Piccolo principe.

Quanta saggezza nelle parole di questo bambino dai capelli d'oro,  proveniente dall'asteroide B-612, che ha attraversato, con i suoi "perché", la vita di generazioni di lettori per farci riflettere, dall'alto della sua giovane età, sulle nostre relazioni, sull'importanza di possedere valori: Noi chi siamo o meglio, cosa vogliamo essere? In entrambi gli spettacoli, la partecipazione degli alunni sarà attiva: alcuni  entreranno in scena per far da spalla agli attori professionisti e nel corso dell'esibizione, tutto il pubblico canterà le canzoni dei rispettivi spettacoli. Per questo speciale appuntamento, i copioni sono stati letti in classe, le canzoni ascoltate e intonate. Dietro un momento di spensieratezza, come lo svolgimento di uno spettacolo teatrale, si nasconde in realtà, un lavoro che ha richiesto tempo, studio e approfondimento di alcuni ambiti lessicali. Ora, però, il momento è arrivato. Tempo una settimana o poco più e conosceremo finalmente la verità; guarderemo negli occhi “Sébastien” e il “Piccolo Principe” e ci chiederemo se, adulti compresi,  facciamo tuttora parte del loro mondo. Sappiamo ancora vedere nel nostro cane un amico fedele? Riusciamo ad immaginare un elefante nel ventre di un boa? Quante persone abbiamo addomesticato? E' già spuntata una rosa nella vita dei nostri ragazzi? Sì, no? A queste fondamentali domande, cercheremo di rispondere il 28 marzo e chissà che il pubblico variegato di adolescenti e ospiti della Casa di riposo Bonora, dove gli spettacoli verranno messi in scena, non possa aiutarci, nel nostro viaggio inter...stellare, oh pardon, Inter...iore!!!